Header Image

Francesco Bevilacqua

si definisce cercatore di luoghi perduti. Descrive il suo modo di viaggiare come stanzialità errante, i cui mezzi preferiti sono le gambe e l’istinto. Ha scritto venti libri dedicati alla riscoperta dei luoghi, al viaggio, al paesaggio, alla letteratura locale, al rapporto fra uomo e natura. Il suo ultimo libro si intitola “Le fantasticherie del camminatore errante”, Rubbettino 2018.

quando sabato 22/09 | dove Piazza Bonini | ore 9.30